Dalla consapevolezza della forte religiosità radicata nel cuore dell’Isola e con la voglia di far rivivere, in maniera partecipativa, tradizioni di cui la memoria si perde nel tempo, nasce “Il Cammino di San Saturnino”. Dopo il successo della prima edizione nel 2017, nel 2018 "Il Cammino di San Saturnino" è cresciuto. 

Per il secondo appuntamento con i devoti al martire, il Cammino ha abbracciato 8 Comuni in Sardegna (Cagliari, Isili, Gergei, Ussana, Escolca, Serri, Mandas e Siurgus Donigala) e due tappe Nazionali (Roma e Milano). 

L’idea di base su cui si è sviluppato “Il Cammino di San Saturnino” prende l’avvio dal desiderio di far conoscere la Sardegna nelle sue variegate sfaccettature. Obiettivo raggiunto nel 2018, quando anche Roma e Milano sono state coinvolte in una serie di appuntamenti, conferenze, convegni e laboratori che hanno coinvolto i massimi esperti del settore e le Associazioni Regionali e Nazionali. Uno degli esempi è il coinvolgimento della Coldiretti Donne Impresa Sardegna e Lombardia per la realizzazione di scambi enogastronomici.

Con il convegno "Il Cammino di San Saturnino alla luce dei percorsi storici" si è creato un fil rouge tra la Sardegna e Milano, storicamente provato. Per l'occasione sono state riaperte, dopo secoli, le celebrazioni in onore del Santo nella Basilica di San Vittore al Corpo alla presenza delle autorità civili, religiose e militari.

Con "Il Cammino di San Saturnino" si è dato anche l'avvio ad uno scambio turistico tra le Regioni coinvolte con un coinvolgimento di quasi 4000 persone. 

Non solo religione, ma anche cultura, scambio, attenzione alle tradizioni storiche e archeologiche legate alla figura del Santo. Un percorso che attraverso le iniziative che vanno oltre la promozione del più noto azzurro del nostro mare, dirottano l’attenzione verso un altro tipo di bellezza, quella meno conosciuta e più suggestiva dell’entroterra isolano. 

Dalla consapevolezza della forte religiosità radicata nel cuore dell’Isola e con la voglia di far rivivere, in maniera partecipativa, tradizioni di cui la memoria si perde nel tempo, nasce “Il Cammino di San Saturnino”. Un percorso che prende vita dalla collaborazione tra l’Associazione Athanatos e l’Associazione Chelu e Luna. La prima si occupa da tempo dell’organizzazione di grandi eventi di carattere culturale ed educativo; la seconda, di recente costituzione, nasce con lo scopo di valorizzare le tradizioni storico culturali della Sardegna. 

Un santo, quattro paesi devoti al martire e un pellegrinaggio che diventa occasione di gemellaggio per queste realtà.Un viaggio attraverso i luoghi e con le persone, un percorso alla scoperta dei riti, delle tradizioni. Un’occasione dove il viaggio e la devozione diventano momento magico di incontro, ricerca di elevazione spirituale e riscoperta del proprio sé interiore. 

Nel 2017 il percorso stabilito per il pellegrinaggio devozionale ha abbracciatpo Cagliari, Ussana, Gergei e Isili.

Il “Cammino di San Saturnino” si presenta come la rievocazione di ancestrali riti religiosi, parte integrante della nostra cultura ma troppo spesso dimenticati sotto la coltre della polvere del tempo, da cui prende avvio un progetto di più ampio respiro. Un cammino che abbraccia gli aspetti storici, culturali, archeologi, turistici ed ambientali della Sardegna concretizzato in un quadrilatero ideale che vede i suoi vertici nei quattro comuni coinvolti. 

La rievocazione storica degli eventi che hanno segnato a più riprese la vita del santo patrono, così come tutte le attività previste per animare il territorio nell’arco delle cinque giornate, sono state studiate ed organizzate con uno scopo ben preciso. L’idea di base su cui si è sviluppato il “Cammino di San Saturnino” prende l’avvio dal desiderio di far conoscere la Sardegna nelle sue variegate sfaccettature. Un percorso che attraverso le iniziative che vanno oltre la promozione del più noto azzurro del nostro mare, dirottano l’attenzione verso un altro tipo di bellezza, quella meno conosciuta e più suggestiva dell’entroterra isolano. Un fil rouge, quello delle tradizioni religiose e popolari, che unisce una realtà metropolitana con il calore e l’accoglienza dei paesi dell’interno. 

                                                  

 

          

gt;<p>"""</p>"</p>"

L'iniziativa benefica organizzata dal Comando Militare Esercito Sardegna, in collaborazione con il Comune di Cagliari e con l'Associazione Athanatos, si è svolta il 12 luglio 2018 ed era rivolta all'Associazione Karalis Pink Team "Daniela SECCHI" con la finalità di raccogliere fondi da destinare all'acquisto di un Dragon Boat.  L'Ass. Karalis Pink Team opera nell'ambito della riabilitazione delle donne colpite da tumore al seno, attraverso attività sportive come il Dragon Boat, il Nordic Walking e la canoa polinesiana.

                                                

 

 

 

E.STATE IN MARINA

DAL 12 GIUGNO AL 4 AGOSTO

ATTIVITA' PER BAMBINE/I E RAGAZZE/I DAI 6 AI 12 ANNI PARTENDO DAL QUARTIERE DELLA MARINA 

 

Attività previste: Giochi - Caccia al tesoro - Proiezione filmati - Attività esperenziali - Attività Psicomotorie - Laboratori - Lettura e creazione di fiabe e storie - Discussioni e confronto

Obiettivi: Sviluppo ed incremento dell'intelligenza emotiva, attraverso la condivisione ed il confronto con gli altri - Sviluppo della creatività e del Problem Solving - Sviluppo ed incremento dell'autostima e dell'auto-efficacia percepita - Sviluppo delle capacità sensoriali - Sviluppo del senso di appartenenza al gruppo - Sviluppo della manualità - Sviluppo del senso civico e rafforzamento dell'identità locale.

 Dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.30 alle 15.00, con possibilità di pre-accoglienza e prolungamento orario

Iscrizioni a numero chiuso.

 

Costo settimanale previsto € 70.00 comprendente di:

Materiali per le attività previste

Utilizzo attrezzature, materiale per i laboratori, attività esterne alla sede

Merenda 

Costo iscrizione, comprensivo di assicurazione base € 10.00

Costo pasto € 5.00 al giorno